ARGENTO COLLOIDALE – POSOLOGIA E CONSERVAZIONE

Lettore Audio

L’argento colloidale è un potente disinfettante, antibatterico, antivirale e antimicotico naturale

Qualità consigliata: da 9 a 13 PPM ( = Parti Per Milione, ossia 0,9 – 1,3 mg/l).
Soluzioni più potenti (14-20 PPM) vengono utilizzate soprattutto per trattamenti odontoiatrici.
Composti più elevati sono inutili, vista l’efficacia di quelli più leggeri, e sconsigliabili (rischio di Argiria).
Qualità più leggere (5-8 PPM) sono meno efficaci, ma è possibile utilizzarli raddoppiando le dosi.

Rinforza il sistema immunitario
Attiva il processo di guarigione

È consigliabile verificare se il prodotto usato è efficace per mezzo di un Test Kinesiologico, come pure per adattare la posologia secondo lo stato di guarigione e la necessità personale!

ATTENZIONE: Non va usato per oltre 20 giorni consecutivi, altrimenti se ne pùo accumulare troppo nell’organismo e il corpo si abitua provocando una perdita di efficacia. Inoltre va assunto solo in caso di necessità (malattie o infezioni da virus, batteri e funghi o esternamente come disinfettante) come un “cerotto”, con moderazione. È comunque un medicamento!

L’argento colloidale, se fatto bene, contiene singoli IONI D’ARGENTO che sono innocui (e non aggregati o nanoparticelle, che sono tossici per l’organismo). Con il termine nanoparticella si identificano normalmente delle particelle formate da AGGREGATI atomici o molecolari, mentre chimicamente, uno ione invece è UN atomo privo di un elettrone, quindi di dimensione inferiore (per cui più piccolo).

Durante i pasti, aggiunto a acqua o cibo, con un CUCCHIAIO D’ARGENTO o una TAZZINA DI CERAMICA o un BICCHIERINO DI VETRO (mai di un altro metallo o di plastica!).

CURA di PREVENZIONE x ca. 3 settimane (p.es. in autunno)
1 cucchiaino 2x giorno, oppure (1cm di profondità) in una tazzina da caffè 1x giorno
BAMBINI 10 gocce al giorno

STATO ACUTO
1 cucchiaio 3x giorno x 3 giorni, poi
1 cucchiaino 3x giorno x 4 giorni, poi
1 cucchiaino 2x giorno
Oppure 1cm (di profondità) in una tazzina da caffè 3x giorno x 3 settimane
BAMBINI 10 gocce 3x giorno x 3 settimane

In caso di CRISI DI GUARIGIONE (peggioramento dei sintomi nei primi giorni):
Bere molta acqua naturale (per aiutare il corpo a depurarsi attraverso fegato, polmoni, pelle, vescica, intestino.…). Eventualmente ridurre il dosaggio per poi aumentarlo di nuovo gradualmente.

OTITE
2 Gocce per orecchio 3x giorno fino al perdurare del dolore

PUNTURE D’INSETTI e ORTICARIA
Inumidire la parte interessata una o alcune volte

Se lo usate per le vie respiratorie, usatelo puro tenendolo in bocca per un pò prima di deglutirlo
Se lo usate per l’intestino, la vescica o per la candida, diluitelo in due dita di acqua ed bevete subito

(Fulvio Vermigli [fb])

ANIMALI DOMESTICI
Spruzzare nella ciotola del cibo
½ cucchiaio nella ciotola per l’acqua (non di plastica, ne di metallo)
Su una garza per pulire occhi, orecchie o parti intime
L’oro e l’argento colloidale vengono utilizzati anche in veterinaria contro il parvovirus del coniglio e la leucemia dei gatti.

PIANTE
Aggiungere all’acqua delle piante e o spruzzare sulle foglie o diluito sulle ferite
Particolarmente utile contro i parassiti delle pianprova

Innumerevoli ALTRI USI (p.es. per curare raffreddore da fieno e moltissime altre patologie) sono descritti nei libri.

CONSERVAZIONE -> Importante: LEGGERE ATTENTAMENTE:
Conservare al fresco e al riparo dalla luce!
Evitare gli sbalzi di temperatura!
Non conservare in frigorifero e tenere lontano da elettrodomestici, impianti elettrici, cavi, prese e simili!
Non utilizzare cucchiai e recipienti di plastica! Rischio di shock elettrostatico che modificherebbe la carica degli ioni d’argento in sospensione nell’acqua compromettendone l’efficacia.
Non utilizzare cucchiai e recipienti di metallo (che non sia Argento) in quanto potrebbero provocare una reazione di ossidazione compromettendone l’efficacia.

Quando acquistate l’argento colloidale, controllate la data di produzione, perchè dopo 3-4 mesi inizia a perdere la sua efficacia e a volte quando si acquista è già al limite. (Fulvio Vermigli [fb])

Riassunto e suggerimenti di posologia indicati da:
-> RAMA KANDURI – Libro scaricabile: 

https://de.scribd.com/doc/57440098/3-Argento-Colloidale-Manuale-Rama-Kanduri ], e -> PIERLUIGI RUSSO [fb – ha scritto un libricino molto informativo che gli si può richiedere] e -> OSCAR CITRO [fb])

CURIOSITÀ:
L’argento colloidale è il “cucchiaio d’argento” che durante il Medioevo ha protetto i nobili dalla Peste Nera (Bubbonica).
Siccome però a quei tempi non si usava la forma colloidale (singoli ioni sospesi
nell’acqua – si parla infatti di ‘Parti Per Milione’ = PPM) e nemmeno solo in caso di malattia, ma utilizzavano l’argento quotidianamente con posate, piatti, brocche e bicchieri, finivano per intossicarsi di argento diventando “bluastri”. Da qui l’espressione che i nobili avessero il “sangue blu”… La loro apparenza era certamente poco bella (per questo forse si incipriavano massicciamente) ma non si ammalavano mai gravemente!

PS: «L’ argento colloidale ha fatto diventare la pelle blu a chi ne ingeriva tutti i giorni più di due litri per dieci anni consecutivi. Dato che bastano venti gocce come effetto terapeutico nessuno che ha seguito questa dose è diventato “un puffo”». [cfr. Argiria] (Oscar Citro)

TESTIMONIANZE E ESPERIENZE PERSONALI

# BRONCHITE batterica:
Ho curato mia figlia da una bronchite batterica (diagnosticata dal pediatra): con un cucchiaino da tè di A.C. 3 volte al giorno; ho continuato a dargliene per qualche giorno ancora dopo la guarigione per essere sicura che fosse guarita del tutto. Così è stato, e senza effetti collaterali. (Inverno 2014)

# VERRUCHE:
La primavera scorsa mia figlia si è curata una verruca ad un dito della mano tenendola inumidita il più tempo possibile. Mattina e sera metteva 2 gocce di Argento Colloidale su un cerotto con cui copriva la verruca. Non so dire però quanto tempo ci voglia… Per lei c’è voluto un mese ma non era sempre costante nell’applicazione (spesso si dimenticava di cambiare il cerotto che dopo qualche ora secca…); ma la verruca è sparita senza lasciare traccia o cicatrice, e non è più tornata. (Primavera 2014)
[NB: Funziona anche con la Soluzione Idrosalina Satura di Sale Himalayano, con la quale, allo stesso modo, si è curato una verruca mio figlio.]

☆☆☆ NOTA ☆☆☆

☆ Non sono un medico, e né le mie opinioni, né i miei consigli e/o suggerimenti, sostituiscono la RESPONSABILITÀ PERSONALE, il buon senso e il libero arbitrio di chiunque voglia seguire questi passi, e tantomeno la valutazione da parte di personale specializzato.

☆ Ci tengo a sottolineare che tutto ciò che condivido è basato sulla mia storia personale, sui miei studi, sulle mie ricerche e non sostituisce alcun tipo di trattamento farmacologico, omeopatico o quant’altro.

☆ Preciso inoltre che non ricavo nessun interesse personale e/o guadagno da nessuna informazione sopracitata. La mia intenzione è solo quella di condividere le mie conoscenze ed esperienze positive contribuendo ad un’informazione neutrale, affinché ognuno possa formarsi la propria opinione personale e procedere secondo il proprio libero arbitrio, e di aiutare chi ne abbia bisogno a trovare la propria strada attraverso il proprio sentire.

☆ Le mie esperienze personali sono in continua evoluzione, per cui mi riservo il diritto di cambiare opinione in merito e di modificare queste informazioni nel corso del tempo.

☆ Siete liberi di condividere queste informazioni tra i vostri parenti, amici e conoscenti: Per favore inoltrare, stampare e /o divulgare SOLO PER INTERO e senza modifiche!

☆ Senza garanzia di completezza. Queste informazioni si basano sulle mie letture, sulle mie ricerche e sulla mia personale esperienza all’interno della mia famiglia.

☆ In nessun caso mi ritengo responsabile ne per l’utilizzo, ne per eventuali conseguenze derivate, di queste informazioni da parte di chiunque.

☆ NON MI ASSUMO NESSUNA RESPONSABILITÀ!

Lascia un commento